registration





Verrà spedita una password via e-mail.

Futuri operatori sanitari

Una figura specializzata nelle professioni sanitarie per un mercato che nei prossimi anni richiederà una media di circa 500 laureati l’anno.  È il tecnico audio-protesista, per semplificare un esperto dell’udito che interviene su prevenzione, correzione e riabilitazione dei deficit uditivi. Una professione quasi sconosciuta alle future matricole che farebbero bene ad approfondire alcune figure specializzate delle professioni sanitarie, naturalmente se in linea con passioni e aspettative.

Il corso appartiene alla facoltà di Medicina e Chirurgia e per poterlo frequentare è necessario superare il test d’ingresso previsto per l’8 settembre 2011 in tutta Italia. Ai primi 500 diplomati che si iscriveranno al test verrà rimborsata la quota di pre-iscrizione grazie a un contributo stanziato dall’ Associazione nazionale importatori e fabbricanti audioprotesi per favorire lo sviluppo di questa professione. Da Torino a Bari, da Genova a Firenze passando per la capitale sono 14 gli atenei che ospitano questo corso di laurea.

Nella pratica l’attività del tecnico audioprotesista è finalizzata a ridurre e prevenire gli effetti dell’ipoacusia (perdite uditive): accertare l’entità del disturbo, identificare i sistemi di correzione e adattarli al singolo paziente sono i principali compiti dell’operatore sanitario.

E, purtroppo, il lavoro è assicurato visto l’alto numero di persone che soffrono di questa patologia: secondo i dati Istat in Italia 8 milioni di persone sono affette da ipoacusia quota pari al 13 per cento della popolazione.

Gli sbocchi previsti da questo corso sono diversi. Oltre a esercitare la professione di  tecnico audioprotesista è possibile occupare posizioni dirigenziali nelle strutture sanitarie, dedicarsi all’insegnamento universitario, alla ricerca o alla formazione permanente.

Per info cliccare il portale www.anaporienta.it
Share

On giugno 30th, 2011, posted in: Focus by
No Responses to “Futuri operatori sanitari”
Leave a Reply

Vai alla pagina facebook del Salone dello StudenteVai alla pagina Twitter del Salone dello StudenteVai alla pagina Youtube del Salone dello Studente
Vai al sito Campus