registration





Verrà spedita una password via e-mail.

Lavoro interinale, parola ai manager

jobDopo il parere del sindacalista (nello scorso post) ecco come i manager di tre agenzie per il lavoro radicate sul nostro terriitorio raccontano la loro realta: quella del lavoro che i più chiamano “interinale”. L’anno spartiacque è stato il 1997: con la legge 196 del cosiddetto “pacchetto Treu” si iniziava a parlare timidamente di lavoro interinale, anche se l’Italia è stato il penultimo Paese Europeo ad istituzionalizzare questa tipologia di contratto. Seguita solo dalla Grecia. Poi nel 2003 la legge 30 o legge Biagi ha sdoganato in maniera definitiva il lavoro somministrato, ratificando l’intermediazione di manodopera e ampliando il raggio d’azione delle agenzie per il lavoro. Arrivando a far sì che, oggi, si tratti di una tipologia di contratto con pari dignità rispetto ad altri strumenti come, ad esempio, il contratto a termine, liberalizzato in Italia con il dl 368 del 2001, ma che non ha avuto il boom sperato. Proprio perché il lavoro in somministrazione a termine dava gli stessi risultati con maggiori garanzie sia per le aziende che per i lavoratori.

“Secondo dati interni all’azienda, il 16% dei neolaureati italiani non trova un’occupazione ad un anno dalla laurea. Quindi, salvo rare eccezioni, ovvero i neodottori che provengono da corsi a numero chiuso come Ingegneria o Medicina, l’inserimento nel mondo del lavoro è particolarmente complicato. Rivolgersi ad un’agenzia interinale significa entrare in contatto con un operatore qualificato che ha un osservatorio esteso e privilegiato rispetto a tutto il territorio nazionale e non solo, per entrare in contatto con le richieste di un mercato che si evolve velocemente. Anche e soprattutto perché fare numerose esperienze professionali, accresce la consapevolezza di quale sia realmente il proprio settore d’impiego” sostiene Stefano Agarossi, Field Operation Director di Manpower, che nel 2010 ha impiegato con contratti di somministrazione il 22% dei neolaureati, tra i candidati totali, la maggior parte (il 31%) con mansioni impiegatizie in ruoli del settore amministrazione e contabilità. I numeri poi parlano chiaro. “Non bisogna dimenticare” racconta Fabio Roberto Imperadore, responsabile commerciale della filiale Milano – Filzi di OpenJob, “che sottoponendo il proprio cv ad un’agenzia per il lavoro, si ha modo di far pervenire la propria candidatura ad un parco di 500/600 aziende, condizione difficilmente raggiungibile con la sola iniziativa personale.

PRO E CONTRO

Partendo dal presupposto che il lavoro in somministrazione, seppur preso in considerazione tardi rispetto alle tempistiche europee “ha portato una indispensabile dose di flessibilità al lavoro, concedendo al candidato di avere molte più opportunità quanto meno per entrare a far parte di un’azienda” come dice Anna Bogatto, Candidate Management Director di Adecco, è giusto valutare quali siano gli aspetti positivi e quelli negativi di questa tipologia contrattuale. “In maniera veloce si ha un colloquio, una valutazione ed una certificazione delle proprie competenze di fronte ad un vero e proprio agente personale che propone il curriculum alle aziende in maniera proattiva ed efficace” aggiunge la manager di Adecco, per cui nel 2010 sono stati gli ingegneri (gestionali, ambientali e informatici tra gli altri) con il 36% i neolaureati più richiesti sul mercato. I contro, invece, hanno più natura culturale. “Una parte del nostro mondo d’impresa e di chi seleziona il personale pensava fino a qualche tempo fa che un cv che riportasse tante e diverse esperienze lavorative fosse da considerare una criticità. Oggi, per fortuna, c’è una forte evoluzione in atto che sta soppiantando questo modo di considerare i lavoratori” aggiunge Agarossi.

IL TREND DEL FUTURO

Certamente negli ultimi anni il mondo della somministrazione si è guadagnato una fetta sempre più grande nel mercato del lavoro” rivela Imperadore, la cui filiale su Milano ha impiegato solo nel 2010 il 71% dei neodottori sottoposti a colloquio. “La crisi ha avuto l’effetto di far aprire gli occhi a quelle aziende che erano dubbiose ma che hanno saputo reagire con determinazione, affrontando gli alti e bassi del mercato e della produttività. Le agenzie del lavoro, in tutto questo, diventeranno sempre più un attore primario che può coniugare la professionalità e la rapidità di riuscire a coprire i bisogni delle aziende che si trovano sempre più spesso ad esternalizzare sia la fase di selezione sia le pratiche amministrative connesse alla gestione del personale” conclude. Anche se si può fare di più. “La Francia ha una percentuale di interinali sul totale degli occupati che è più del triplo della nostra. Ma la maturazione del comparto, nel giro dei prossimi anni, sarà completa e molto più vicine a quelle che sono le medie europee”, chiosa Agarossi.

FOCUS NEOLAUREATI

Ma come, queste agenzie, si focalizzano sui neodottori? “Adecco ha un fitto calendario di attività di orientamento negli atenei, con workshop anche tecnici, ultimamente incentrati sull’utilizzo dei social network, di gran voga fra i giovani ma se valutati nel modo giusto, anche uno strumento importante per collegarsi al mondo del lavoro” rivela Bogatto. “Il link con il mondo accademico è molto forte per OpenJob” dice Imperadore. “Partecipiamo attivamente ai career day organizzati dalle università, relazionandoci in maniera continua con gli uffici, interni alle sedi accademiche, preposti ai servizi di collocazione professionale. Non tralasciando di utilizzare al meglio i fondi del Forma.temp, stanziati per proporre corsi di formazione organizzati ad hoc per i neolaureati.” E Manpower? “L’azienda ha l’ambizione forte di volersi imporre come provider per i lavoratori, partendo proprio dai neolaureati, accompagnandoli nel corso del proprio percorso professionale a tutti i livelli. Lo facciamo, ad esempio, attraverso Junior Achievement, una organizzazione internazionale che si propone di avvicinare gli studenti al mondo professionale, ingaggiandoli su progetti e business plan in dinamiche molto simili a quelle che si andranno ad affrontare davvero nelle aziende. Insomma fornendo spunti pratici e concreti, a tutti quei giovani che arrivano impreparati ad affrontare le sfide del lavoro e possono così incrementare la propria spendibilità sul mercato”, conclude Agarossi.

212 Responses to “Lavoro interinale, parola ai manager”
  • antalya escort scrive:

    It is truly a great and useful piece of information. I am
    glad that you shared this useful info with us. Please stay us informed
    like this. Thanks for sharing.

  • Luke scrive:

    These herbal pills might help in stimulating the increase with
    the delicate tissues from the bosoms by designing certain considerable hormonal
    changes by making use of plant oestrogen found in these pills.
    Taking note an elective procedure including breast surgery treatment, events including
    death and coma are uncommon but they also do still
    occur. The major advantage would be that the Nano Breast Cream expands and augments the cellular structure within your breasts, thus ensuring
    a fuller breast appearance.

  • 500 million android based device. We’re used to facing but not frustratingly hard that you are also designed
    to be the Russian Square Game is a very stable platform.
    I live in Iowa. A favorite with some difficult to recreate physically.

  • steroids scrive:

    …Websites you should visit…

    [...]Wow, marvelous weblog format! How lengthy have you ever been running a blog for?[...]…

  • Clash Royale cheat is free online tool you can use to generate
    unlimited amounts of points and everything else that you would usually
    had to purchase. Also used in construction industry
    ‘ especially in small and medium sites for foundation tasks, crawler cranes are designed to lift weights from one place to another and are usually mounted on a crawler tracks
    instead of wheels. With the ability to damage multiple units, area damage cards are best
    utilized for defeating hordes or swarms of low HP troops
    such as Skeletons, Goblins, Barbarians, etc.

    My web page clash royale hack

  • And I am also actually exited about Terralicious Cooking school which is a NEW faculty at Halliburton Organic Farms.

  • After making use of your contouring foundations,
    use a damp magnificence sponge to apply a very liberal amount of translucent powder to the
    beneath-eye area and below the cheekbone — the areas the place you have got already utilized your spotlight colors.

  • So, kalau korang nak tengok panaromic view of Rome secara percuma, jangan lupa panjat bukit dan naik ke Farnese Garden ni ye.

  • What kind of sugar do I add, I often drink my tea with
    1 sugar teaspoon and if I am lazy no sugar.

  • filtre scrive:

    ısparta baca temizleyen firmalar

  • Connie scrive:

    Howdy Hätten Sie etwas dagegen Teilen die Blog-Plattform Sie mit?

    Ich biin auf der Suche Planung, meine eigene Bloog zu startn balld
    abver ich hae ejne harte schwierig Zeit eiine Entscheidung zwischen Blogengine
    / WordPress / B2evolution und Drupal. Der Grund warum iich frge ist, eil Ihr Design scherint anders als den meistenn Blogs
    und iich interessiere mic für etwas einmalige.
    PS Entschuldigung für Sein off-topic, aber icch hatte zu fragen!

  • Rodolfo scrive:

    Sehr gute Informationen. Glück für mich Ich entdeckte Ihre Website
    zufällig (stumbleupon). Icch habe Lesezeichen it für später!

Leave a Reply

Vai alla pagina facebook del Salone dello StudenteVai alla pagina Twitter del Salone dello StudenteVai alla pagina Youtube del Salone dello Studente
Vai al sito Campus
zxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx